Flavescenza Dorata della vite

Alleghiamo, con preghiera di massima diffusione, le linee guida per LOTTA OBBLIGATORIA ALLA FLAVESCENZA DORATA

Lotta obbligatoria 2020

https://www.regione.piemonte.it/web/temi/agricoltura/servizi-fitosanitari-pan/lotte-obbligatorie-flavescenza-dorata

Attendere i prossimi bollettini, in cui verranno comunicate le date per intervenire con i prodotti specifici, in caso di presenza accertata dello Scafoideo. In assenza di tale insetto, i trattamenti sono pressoché inutili essendo appunto mirati all’eliminazione del solo insetto vettore, unica profilassi efficace al momento per il contenimento della FD (Flavescenza Dorata).

Indicazioni utili per la lotta alla Flavescenza Dorata della vite

Si rammenta l’importanza a NON effettuare trattamenti fitosanitari durante la fioritura. E’ per legge severamente vietato e la salvaguardia degli insetti pronubi è molto importante anche il mantenimento dell’agricoltura stessa.

AVVISO – Divieto di trattare in fioritura

Inoltre, eventuali vigneti abbandonati vanno segnalati al Settore Fitosanitario della Regione Piemonte comunicando il comune, foglio e particella/e del campo interessato ad uno dei seguenti recapiti:

  • via mail all’indirizzo: virologia@regione.piemonte.it
  • via fax al n.: 011/4323710

Le segnalazioni effettuate entro il 15 luglio p.v. verranno prese in carico nell’anno stesso; per quelle che arriveranno dopo tale data non si garantisce la presa in carico nella stessa stagione.

_________

Per maggiori informazioni, la Flavescenza Dorata che cos’è?

Si tratta di una malattia epidemica, più propriamente detta fitoplasmosi appartenente al gruppo dei giallumi della vite, molto pericolosa sia per gli effetti che determina sulle viti sia per la sua velocità di diffusione. L’agente causale è un microrganismo parassita, denominato fitoplasma, che può vivere solo se si trova all’interno di una vite o del suo insetto vettore (la cicalina, o Scafoideo, Scaphoideus titanus). Infatti le uniche profilassi possibili al momento, sono la rimozione delle piante colpite e/o i trattamenti fitosanitari mirati contro lo Scafoideo.

E’ presente da molti anni in Italia, infatti la cosiddetta “Lotta Obbligatoria” si ripete ormai annualmente dal 2000.

Gli effetti negativi di questa malattia, sulla produttività del vigneto possono essere diretti (perdita dei grappoli per disseccamento o appassimento) o indiretti (piante indebolite, mancanza di tralci idonei per il rinnovo, morte della pianta nei casi più gravi).